Giocare a Return to Castle Wolfenstein nel 2020

Tutta colpa del Covid-19.

Costretto in casa dal lockdown per lunghe settimane, tra spazi domestici da dividere e didattica a distanza da gestire, campionato di MLB fermo – cosa mai potevo fare?

Ho ripensato ad uno dei pochi videogiochi che mi hanno appassionato: Return to Castle Wolfenstein, con cui ho passato tante ore nei primi anni 2000.

Sembra passato un secolo, ma una veloce ricerca mi dice che ci sono ancora appassionati che ci giocano in rete nella versione Enemy Territory o nel port open source ET:Legacy.
Per il gioco single player invece sono fioriti diversi intriganti mod, molti dei quali vengono ancora aggiornati.

Nonostante possieda ancora il CD originale, da anni ormai non uso più Windows, quindi il primo problema è stato far girare il gioco su Linux: nessun problema con il motore libero iortcw. Basta installarlo e poi recuperare dall’installazione originale i file .pk3 necessari copiandoli nella cartella del gioco.
Sono disponibile anche le patch di localizzazione, italiano compreso.
RTCW gira benissimo anche su macchine datate con dettagli grafici e risoluzione più che adeguati.
Nel mio caso il computer era un vecchissimo iMac del 2008 con Debian testing.

Stesso discorso per il multiplayer ET:Legacy : installazione e giocabilità perfetti su Linux.
Le note dolenti sono cominciate quando ho voluto provare a giocarci su un iMac più recente su cui è installato MacOS 10.15 Catalina.
Questa versione di MacOS ha del tutto abbandonato il supporto per le applicazioni a 32-bit, rendendo di fatto inutilizzabile la release 2.76 di ET:Legacy.
Si prevede che la prossima versione permetterà il supporto a 64-bit, ma il suo rilascio è atteso ormai da molto tempo senza nessuna previsione su quando sarà pronta.

“Nessun problema” – mi dico “ci sono i sorgenti: compilo da me!” . Le istruzioni sembrano dettagliate, ho già Homebrew installato, mi sembra di essere già a buon punto. Del resto non è la prima volta che compilo qualcosa da me.
Nonostante diversi tentativi che mi hanno portato a risolvere un errore dopo l’altro solo per trovarne sempre uno nuovo, stavo per gettare la spugna quando mi imbatto in questo progetto di un ragazzo portoghese, una build non ufficiale appositamente compilata per MacOS Catalina.
Installando il file .dmg non si riscontrano problemi, solo qualche trascurabile glitch grafico peraltro molto casuale.

Così posso tornare a farmi sparacchiare addosso nelle mie mappe preferite in attesa della release ufficiale 2.77!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.